Smaltimento olio esausto

La nostra impresa di smaltimento e servizi per l’ambiente propone un servizio di smaltimento olio esausto rivolto ad aziende ma anche a tutti i privati cittadini che hanno necessita di smaltire grandi quantitativi di olio, che non possono essere conferiti nei centri ecologici comunali.

Gli oli esausti sono davvero inquinanti?

Gli oli esausti, che siano stati prodotti domesticamente attraverso fritture o altri tipi di cotture, oppure che siano derivati da procedure industriali o, ancora, provenienti dai motori dei veicoli, sono fortemente inquinanti per l’ambiente; se infatti fossero soggetti a combustione genererebbero sostanze cancerogene per le nostre vie respiratorie mentre, se versati negli scarichi domestici (pratica che purtroppo avviene in molte case italiane), comporterebbero una riduzione della quantità di ossigeno a disposizione della flora e della fauna. Inoltre, se fossero dispersi sul terreno, gli oli esausti comincerebbero a filtrare al suo interno, fino a penetrare nelle falde acquifere, causando un pericolo per la salute pubblica. Dunque, è fondamentale procedere ad un adeguato smaltimento degli oli esausti; a tal proposito, è nato un ente, cioè il CONOU (Consorzio Nazionale per la Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati) che ha introdotto una normativa compleata che tocca tutti gli aspetti della gestione degli oli esausti.

Smaltimento olio frittura: richiedi un preventivo gratuito per lo smaltimento di olio alimentare

smaltimento olioGli oli domestici (detti oli esausti solubili) sono generalmente quelli vegetali ottenuti dalle fritture che avvengono quotidianamente in ogni cucina; purtroppo, ogni anno, circa 800 mila tonnellate di oli esausti vengono sversati mediante le tubature domestiche nei sistemi fognari.

In realtà, la raccolta e lo smaltimento degli oli da frittura non è una procedura così complicata; il primo passo consiste nel far raffreddare l’olio al termine della cottura, e poi occorre versarlo in un recipiente capiente da conservare in un angolo della propria abitazione; una volta che sarà riempito, occorrerà portarlo presso uno dei centri di raccolta presenti in ogni comune italiano, che provvederanno a ritirare il rifiuto in maniera del tutto gratuita.

Smaltimento olio frittura ristoranti: la normativa

Nel caso di ristoranti, pizzerie, alberghi e altre attività commerciali dello stesso tipo, è stata fortunatamente introdotta una normativa che impedisce lo smaltimento inquinante degli oli dannosi e che prevede multe che arrivano anche ai 15000 euro per chi verrà colto in fragranza di reato; tale normativa prevede inoltre che tali attività debbano consegnare regolarmente gli oli esausti ad aziende specializzate che si occuperanno non solo del loro smaltimento, ma anche della raccolta direttamente presso le cucine.

Smaltimento olio motore

Iniziamo col dire che è buona norma eseguire il cambio periodico dell’olio, in modo da preservare il motore del proprio veicolo e ridurre le emissioni inquinanti; gli oli utilizzati nei motori sono definiti oli scuri, in quanto contengono metalli e residui ossidati di combustione, per cui sono anche più dannosi degli oli domestici. Anche in questo caso lo smaltimento dell’olio motore esausto non è una procedura complessa: nel caso in cui si effettui da soli la sostituzione, l’olio esausto andrà raccolto in un contenitore stagno e consegnarlo nei centri di raccolta autorizzati oppure contattare un’azienda di smaltimento; l’unica precauzione che si consiglia di assumere è quella di evitare che l’olio si mescoli ad altri liquidi come fluidi antigelo o fluidi di trasmissione, perchè in quel caso emetterebbero sostanze altamente inquinanti.

Se invece la sostituzione dell’olio motore è effettuata dal meccanico di fiducia sarà egli stesso a occuparsi dello smaltimento; il meccanico dovrà infatti contattare le aziende specializzate nella raccolta degli oli, in quanto la normativa prevede che, nel caso in cui la quantità di oli esausti sia eccessiva (superiore ai 600 litri), non sarà consentita la loro consegna presso i punti di raccolta comunali. In ogni caso, le tariffe applicate aziende per la raccolta e lo smaltimento degli oli non sono assolutamente eccessive.

Smaltimento olio industriale

Gli oli esausti prodotti dalle industrie sono definiti oli chiari, in quanto non sono pregni di sostanze metalliche come quelli prodotti dai motori; essi sono in gran parte rigenerabili utilizzando delle procedure di filtrazione e centrifuga.

Attraverso questa rigenerazione sarà possibile dunque ottenere oli utilizzabili nuovamente nelle procedure industriali. Anche in questo caso è dunque essenziali contattare le aziende di raccolta di oli, che provvederanno in seguito a far si che essi possano essere riutilizzabili.